Roma06 83542796
Frosinone0775 961197

Le ultime novità 2020 sulle agevolazioni economiche per il settore agricolo

Il piano di agevolazioni dirette al settore agricolo viene supportato con varie misure nella nuova Legge di Bilancio 2020. Ecco tutte le novità su: imprenditoria femminile, esonero contributivo giovani e fondo per la competitività.

 

Mutui a tasso zero, esonero contributivo e bonus donne sono alcune delle misure che rientrano tra le agevolazioni per l’agricoltura contenute nella Legge di Bilancio 2020. Il governo per supportare il settore agricolo stanzierà quasi 600 milioni di euro. Nel complesso si tratta di una serie d’interventi nati soprattutto per sostenere, incrementare e consolidare l’ingresso di giovani e donne nelle attività economiche agrarie, garantendo accessi facilitati per le aziende new entry, esoneri contributivi e molto altro.

Esonero contributivo per i giovani in agricoltura  

Per i neo coltivatori diretti e i nuovi impresari agricoli under 40, che si sono iscritti all’Inps nel settore agricolo nel 2020, è previsto l’azzeramento totale dei contributi previdenziali. Per questa misura verranno stanziati circa 44 mila euro per incoraggiare la nascita di nuove start up agricole. I giovani imprenditori agricoli potranno beneficiare di un esonero contributivo di due anni, dopo i quali dovranno ricominciare a versare i contributi.

Bonus “Donne in campo”

Le nuove misure nel settore agricolo puntano anche a incoraggiare l’imprenditoria femminile nel comparto dell’agricoltura con un fondo avente un tetto massimo di 15 milioni di euro. Il nuovo progetto consiste in una serie di agevolazioni dirette alle donne e prevede l’assegnazione di mutui a tasso zero per le donne che investono, promuovo e consolidano la crescita della loro azienda agricola. Le imprenditrici potranno accedere a un mutuo a tasso zero fino a un massimo di 300.000 euro per un ammortamento complessivo di 15 anni

Fondo per la competitività del Made in Italy

Tra le misure previste per il comparto agricolo è presente anche il Fondo per la competitività delle filiere agricole. Il governo per sostenere il Made in Italy ha stanziato un fondo per l’anno 2020 di circa 15 milioni, mentre per il 2021 le risorse si attesteranno intorno ai 14,5 milioni. Entro febbraio verranno pubblicati ulteriori dettagli sulla manovra.

Richiesta informazioni

Se desideri ulteriori informazioni scrivile nel form sottostante.