Roma06 83542796
Frosinone0775 961197

Convegno al Campus Biomedico sui benefici per la salute delle passeggiate nei parchi

Nel convegno tenutosi il 18 dicembre al Campus Biomedico di Trigoria è emerso che camminare nel verde riduce notevolmente il rischio d’infarto, di diabete e di depressione.

 

Correlazione tra la salute e l'ambiente

Il convegno, organizzato all’interno del polo universitario di via Alvaro del Portillo, ha portato l’attenzione sul concetto di “OneHealth”: un nuovo approccio di studio, riconosciuto da organismi internazionali come l’OMS, la FAO e l’Unione Europea, che promuove l'applicazione di un metodo multidisciplinare per indagare la stretta correlazione tra la salute dell’essere umano e l’ambiente che lo circonda.

Gli effetti benefici per l’organismo delle passeggiate nel verde

Secondo i dati forniti da Europarc una camminata a passo svelto nel verde di almeno trenta minuti, per cinque giorni a settimana, riduce il rischio di infarto del 20-30%; di diabete del 30-40%; di depressione o demenza del 30%.

Anche il professor Bird, presidente di Intelligent Health, ha ribadito i vantaggi legati alla presenza degli alberi in ambito urbano. Spiegando che fare movimento negli spazi verdi stimola l’attività dell’ippocampo, l’area del cervello che costituisce il centro del comportamento e dell’apprendimento. Ha poi concluso sottolineando il fatto dimostrato che il rapporto con la natura e gli spazi verdi riduce del 50% gli effetti degli avvenimenti stressanti in particolare nei bambini e nei ragazzi.

Il parco dell’università

La scelta della sede in cui svolgere questo convegno non è stata affatto casuale. L’incontro si è infatti svolto in un campus che ha la fortuna di essere un vero “parco universitario” immerso nella riserva naturale regionale protetta di Decima Malafede, come ha ricordato Felice Barela, presidente dell’Università Campus Bio-Medico. Ovvero la riserva più estesa tra quelle gestite dall’ente regionale Roma Natura, dati i più di 6000 ettari di verde che racchiudono foreste, siti d'interesse comunitario e alberi monumentali.

I parchi: una grande risorsa da preservare con cura

Il presidente di RomaNatura, Maurizio Gubbiotti, ha affermato che, dopo decenni dedicati alla protezione e alla conservazione naturalistica dei parchi, oggi è necessario raccogliere anche le sfide sociali legate ad essi, in modo da essere più vicini ai bisogni quotidiani delle persone e migliorarne la qualità della vita. Proprio con queste intenzioni è stato promosso con la collaborazione del Campus Bio-Medico e Federparchi questo momento pubblico di riflessione, con l’obbiettivo di migliorare la comprensione del fondamentale rapporto tra ambiente e salute. Si tratta alla fine di un motivo in più per difendere il patrimonio forestale di Roma che è la capitale d’Europa con la maggiore superficie di parchi e zone verdi a disposizione dei suoi abitanti.

 

 

 

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database